Prestiti per pensionati: novità Maggio 2017

 

Variano le condizioni con la nuova convenzione INPS

Vi abbiamo già introdotto in un articolo precedente (Al via la nuova convenzione per cessione del quinto INPS)  la modifica delle convenzioni tra finanziarie e INPS per quel che riguarda la cessione del quinto per i pensionati. Nello stesso articolo troverete anche il link al sito INPS con la comunicazione ufficiale.

Vogliamo però specificarvi meglio quello che varierà in termini pratici per i pensionati che richiederanno un prestito (non appena le finanziarie firmeranno il nuovo accordo di convenzione).

Prestiti per pensionati: nuovi tassi soglia

La modifica più rilevante è sicuramente quella relativa ai tassi di interesse massimi applicabili ad una cessione del quinto in convenzione INPS.

Prima erano calcolati secondo due classi di importi, ovvero per pensioni superiori a 5.000 € oppure inferiori a 5.000 €. La nuova convenzione prevede la variazione di queste classi di importi sui quali calcolare gli interessi soglia. Le nuova classi si assestano a più o meno di 15.000 €.

Dettaglio delle nuove condizioni

Quando un pensionato richiederà un preventivo di prestito per cessione del quinto ad una finanziaria convenzionata con l’INPS dovrà fare attenzione quindi che il preventivo non superi questi limiti in termini di tassi di interesse:

Importo pensione fino a 15.000 €:

  • età del pensionato fino a 59 anni: tasso soglia: 8,60 %
  • età del pensionato tra 60 e 64 anni: tasso soglia: 9,40 %
  • età del pensionato tra 65 e 69 anni: tasso soglia: 10,20 %
  • età del pensionato tra 70 e 74 anni: tasso soglia: 10,90 %
  • età del pensionato tra 75 e 79 anni: tasso soglia: 11,70 %

Importo pensione oltre 15.000 €:

  • età del pensionato fino a 59 anni: tasso soglia: 7,71 %
  • età del pensionato tra 60 e 64 anni: tasso soglia: 8,51 %
  • età del pensionato tra 65 e 69 anni: tasso soglia: 9,31 %
  • età del pensionato tra 70 e 74 anni: tasso soglia: 10,01 %
  • età del pensionato tra 75 e 79 anni: tasso soglia: 10,81 %

Fino a quando dura la convenzione

La convenzione attuale sarà in vigore sino al 31 Dicembre 2018, da quella data l’INPS si riserverà il diritto di rivedere lo schema convenzionale e di apportare le dovute modifiche.